Getty Images

The Year Ahead 2018

Facciamo in modo che i social media siano sicuri per la democrazia

OXFORD – Nel periodo che ha preceduto una serie di votazioni in tutto il mondo nel 2016, incluso il voto della Gran Bretagna sulla Brexit e le elezioni presidenziali negli Stati Uniti, i social network come Facebook e Twitter hanno sistematicamente fornito a un vasto numero di elettori informazioni di scarsa qualità – spesso vere e proprie menzogne – sulla politica e sull’ordine pubblico. Sebbene queste società siano state ampiamente criticate, le notizie spazzatura – storie sensazionali, teorie di cospirazione e altri casi di disinformazione – si sono protratte fino al 2017.

Se da un lato è emerso un crescente numero di iniziative di verifica dei fatti, specifiche per paese, oltre ad alcune app interessanti per valutare le “junk news”, dall’altro sembra che le piattaforme web non offrano soluzioni tecnologiche a livello di sistema. Allora in che modo dovremmo rendere i social media sicuri per le norme democratiche?

Sappiamo che i social media offrono ai cittadini vaste quantità di contenuti altamente politicizzati duranti i referendum, le elezioni e le crisi militari di tutto il mondo. Durante le elezioni presidenziali americane del 2016, le fake news venivano condivise sui social network più di quelle prodotte professionalmente, e la distribuzione di junk news ha raggiunto il suo picco massimo il giorno prima delle elezioni.

To continue reading, please subscribe to On Point.

To access On Point, log in or register now now and read two On Point articles for free. For unlimited access to the unrivaled analysis of On Point, subscribe now.

required

Log in

http://prosyn.org/kPCUSco/it;
  1. Donald Trump delivers his address to a joint session of Congress  Bill Clark/CQ Roll Call/Getty Images

    Trump’s Abominable Snow Job

    • In the 2016 US presidential election, Donald Trump presented himself as a populist who would protect America’s “forgotten” workers from the disruptions of trade and immigration and the nefarious designs of unnamed elites.

    • But, a year after assuming office, it has become abundantly clear that “America first” means workers come last.
  2. Project Syndicate

    PS Commentators’ Best Reads in 2017

    • For the first time, Project Syndicate has asked its contributors what they’ve been reading, and why. 

    • Their choices may surprise, but surely will not disappoint, readers seeking the most important books on history, politics, economics, as well as more than one novel.