Getty Images

The Year Ahead 2018

Come funziona l’ineguaglianza

PRINCETON – L’ineguaglianza è stata considerata la colpevole nelle incursioni populiste del 2016 e 2017. Ma cos’è la disuguglianza e che ruolo gioca nell’inibire o incoraggiare la crescita o nel minacciare la democrazia? La diseguaglianza uccide, ad esempio, portando le persone al suicidio o alle “morti per disperazione”? O l’ineguaglianza è un male necessario che dobbiamo tollerare a certi livelli?

Queste sono le domande che spesso mi fanno. Ma, a dire la verità, nessuna è particolarmente utile, degna di una risposta o anche ben posta. L’ineguaglianza non è tanto una causa dei processi economici, politici e sociali quanto una conseguenza. Alcuni di questi processi sono positivi, altri no, e alcuni sono molto negativi in realtà. Solo distinguendo il buono dal cattivo possiamo comprendere la disuguaglianza e capire cosa fare.

Inoltre, la disuguaglianza non è la stessa cosa dell’ingiustizia; e, secondo la mia opinione, è quest’ultima che ha alimentato così tanto le turbolenze politiche nel mondo ricco di oggi. Alcuni dei processi che generano disuguaglianza sono ampiamente considerati come giusti. Ma altri sono profondamente e ovviamente ingiusti, e sono diventati una fonte legittima di rabbia e disaffezione.

To continue reading, please subscribe to On Point.

To access On Point, log in or register now now and read two On Point articles for free. For unlimited access to the unrivaled analysis of On Point, subscribe now.

required

Log in

http://prosyn.org/5n8Ny8n/it;
  1. Donald Trump delivers his address to a joint session of Congress  Bill Clark/CQ Roll Call/Getty Images

    Trump’s Abominable Snow Job

    • In the 2016 US presidential election, Donald Trump presented himself as a populist who would protect America’s “forgotten” workers from the disruptions of trade and immigration and the nefarious designs of unnamed elites.

    • But, a year after assuming office, it has become abundantly clear that “America first” means workers come last.
  2. Project Syndicate

    PS Commentators’ Best Reads in 2017

    • For the first time, Project Syndicate has asked its contributors what they’ve been reading, and why. 

    • Their choices may surprise, but surely will not disappoint, readers seeking the most important books on history, politics, economics, as well as more than one novel.