Getty Images

The Year Ahead 2018

Africa, l’affare del secolo

ABIDJAN – Mentre gli esperti fanno congetture su quella che sarà la crescita globale nel 2018 e oltre, pochi si soffermano sull’Africa. Quelli che lo fanno tendono a sottolineare che il continente ospita ancora oggi la più alta concentrazione di poveri del mondo, o il fatto che tanti giovani africani lasciano il proprio paese per cercare sicurezza e opportunità altrove. Anche i previsori economici più ottimisti generalmente parlano dell’Africa in termini negativi, auspicando l’attuazione di un Piano Marshall, non tanto per stimolare partnership commerciali e crescita, quanto per promuovere una nuova forma di umanitarismo.   

Certo, il Pil pro capite dell’Africa è di soli 2.000 dollari l’anno e la regione ha la più bassa quota di lavoratori dipendenti (circa il 20%) del mondo. Una povertà persistente, associata agli effetti del cambiamento climatico, sta peggiorando i già elevati livelli di disoccupazione e sottoccupazione. Gran parte della forza lavoro è ancora intrappolata in attività a bassa produttività e di mera sussistenza, e le capacità fiscali di molti stati risentono negativamente del calo dei prezzi delle materie prime.    

Una trasformazione strutturale è in atto, ma procede a un ritmo assai lento. L’Africa è responsabile di appena l’1,9% del valore aggiunto globale dell’industria manifatturiera, una percentuale ferma da decenni. Inoltre, la popolazione africana, oggi pari a 1,2 miliardi di persone, sta crescendo a un ritmo del 2,6% annuo, con l’aumento dei giovani – il 70% della popolazione dell’Africa ha meno di trent’anni – che mette sotto pressione i governi.

To continue reading, please subscribe to On Point.

To access On Point, log in or register now now and read two On Point articles for free. For unlimited access to the unrivaled analysis of On Point, subscribe now.

required

Log in

http://prosyn.org/0IPVzY7/it;