La dipendenza della Cina dagli investimenti

PECHINO – L'economia cinese ha registrato un rallentamento imprevisto nel secondo trimestre di quest'anno. Altrettanto inaspettatamente, i dati diffusi a partire dal luglio scorso sono perlopiù concordi nell'indicare che la crescita del Paese si è stabilizzata. Com'era prevedibile, i mercati hanno tirato un sospiro di sollievo. E gli investitori? Dovrebbero forse continuare a stare sulle spine?

Attualmente, il problema più grave che devono affrontare le autorità cinesi è quello della capacità eccedente. Per fare un esempio, la capacità produttiva annua di acciaio grezzo della Cina è stimabile in un miliardo di tonnellate, ma la sua produzione totale nel 2012 è stata di 720 milioni di tonnellate, che corrisponde a un indice di utilizzazione degli impianti pari al 72%. Più sorprendentemente ancora, la redditività dell'industria dell'acciaio è stata soltanto dello 0,04% nel 2012. Di fatto, l'utile su due tonnellate di acciaio bastava appena per comprare un lecca-lecca. Quest'anno, la redditività media delle 500 aziende più importanti della Cina è stata finora del 4,34 %, in calo di 33 punti base rispetto al 2012.

Alcuni dicono che l'odierna capacità eccedente della Cina sia il risultato di un passato sovrainvestimento. Altri la attribuiscono a una mancanza di domanda effettiva. Il governo, invece, sembra collocarsi a metà tra queste due posizioni.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/bq3lkaS/it;