Photo by Drew Angerer/Getty Images

I mercati emergenti rappresentano l’oro nella miniera di carbone finanziaria?

BUENOS AIRES – Le crisi di debito e le crisi del tasso di cambio in Argentina e Turchia sono eventi localizzati senza implicazioni più ampie? O sono i primi segni premonitori di profonde fragilità nei mercati del debito globali che vengono esposti mentre la Federal Reserve statunitense continua a normalizzare i tassi di interesse?

L'aumento dei tassi di interesse potrebbe testare la stabilità anche in alcune economie avanzate, specialmente in Italia, dove gli elettori, in particolare nel sud meno sviluppato, hanno optato decisamente per un governo populista destabilizzante. Con un'economia dieci volte più grande della Grecia, un default in Italia farebbe saltare in aria la zona euro. In effetti, il governo di coalizione populista che ha ora preso il potere ha lasciato intendere che vuole svalutare alcuni dei suoi debiti sottobanco (non inclusi nel debito pubblico ufficiale dell’Italia di oltre il 130% del PIL) attraverso la Banca centrale europea.

La buona notizia è che è ancora relativamente improbabile che esploda una crisi del debito globale in piena regola. Anche con il recente rallentamento della performance europea, il quadro economico globale rimane forte, con la maggior parte delle regioni del mondo ancora in rapida crescita. Anche se diverse imprese dei mercati emergenti hanno accumulato quantità preoccupanti di debito estero denominato in dollari, molte banche centrali straniere traboccano di attività in dollari, specialmente in Asia.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/pUZVv7h/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.