Risanare il bilancio dello Stato

MILANO – Fino a poco tempo fa, i bilanci patrimoniali degli Stati erano oggetto di scarsa considerazione, e la misurazione e il reporting erano aspetti perlopiù trascurati. Ancora oggi, le passività degli Stati sono al centro dell'attenzione, mentre le attività continuano a restare nell'ombra.

In un'epoca più lontana, gli Stati possedevano attività industriali in abbondanza. In seguito, questo modello basato sulle "leve fondamentali dell'economia" è stato rifiutato perché considerato poco efficace, soprattutto nel caso in cui i settori di proprietà dello Stato erano protetti dalla concorrenza (come di norma accadeva). A rimetterci era l'efficienza, ma l’aspetto più grave era che l'impossibilità di entrata e di uscita delle imprese - fondamentale per l'innovazione - influiva negativamente sul dinamismo e contribuiva all'aumento delle perdite nel corso del tempo.

Le carenze di questo modello hanno portato alla privatizzazione in molti Paesi sviluppati e in via di sviluppo. In Europa, in particolare, la privatizzazione era considerata come un passaggio fondamentale nel processo d'integrazione. L'idea, in Europa e altrove, era che gli Stati detentori di beni industriali non potessero essere imparziali, e che attraverso la regolamentazione, gli appalti pubblici e le sovvenzioni occulte avrebbero finito per favorire le proprie attività.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/3p0opXQ/it;