Paul Lachine

Chi dovrebbe salvaguardare la stabilità finanziaria?

NEW HAVEN – Le banche centrali di tutto il mondo non sono riuscite a prevedere l'insorgere dell'attuale crisi finanziaria nel 2007. Martin Čihák del Fondo monetario internazionale riferì a luglio del 2007 che, delle 47 banche centrali che avevano pubblicato i Financial Stability Report (FSR), “praticamente tutte” negli ultimi resoconti avevano dato una “valutazione complessivamente positiva dei propri sistemi finanziari nazionali”.

E ora queste banche centrali, sebbene non siano state d'aiuto prima della crisi, dovrebbero rivestire un ruolo chiave per evitare l'insorgere di un nuovo caos. Questa è la conclusione, forse contro ogni aspettativa, a cui è giunto lo Squam Lake Group [http://squamlakegroup.org/] – un think tank in materia di riforma finanziaria composto da 15 accademici, incluso il sottoscritto – nel report Fixing the Financial System, recentemente pubblicato.

I regulator di vigilanza macro-prudenziale (funzionari di governo che non si focalizzano sulla solidità delle singole istituzioni finanziarie, ma piuttosto sulla stabilità del sistema finanziario nel suo complesso) sono estremamente necessari, e i banchieri centrali sono i soggetti più adatti a rivestire tale ruolo. Altri regulator non hanno saputo fare meglio nel prevedere questa crisi, e sono ancora meno adatti ad evitare la prossima.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/TnPmCQ4/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.