Skip to main content

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions

b0a9b90346f86fb40f602601_tb3567c.jpg

Chi ha perso l’Europa?

CAMBRIDGE -  Il collasso finanziario è stato evitato in Europa – per ora.  Ma il futuro dell’Unione Europea e il destino dell’eurozona sono ancora in gioco. Se l’Europa non trova presto un mezzo per riattivare  l’economia del continente sarà condannata ad anni di malumore ed a un infinito rimpallo di accuse su chi “ha sabotato il progetto europeo”.

Avendo sofferto nel 2009 un collasso economico più profondo di quello degli Stati Uniti, l’Europa rischia una ripresa molto più problematica, ammesso che si possa chiamarla ripresa. Il Fondo monetario internazionale prevede una crescita dell’eurozona dell’1% soltanto, quest’anno, e dell’1,5% nel 2011, a fronte di un 3,1 e di un 2,6% negli Stati Uniti. Persino il Giappone, in crisi profonda dagli anni 90, si prevede possa crescere più in fretta dell’Europa.

La crescita europea è condizionata da problemi di debito e dal permanere di preoccupazioni per la solvibilità della Grecia e di altri paesi altamente indebitati. Mentre il settore privato riduce i debiti e cerca di rimettere in pari i conti, la domanda da consumi e investimenti è crollata, e la produzione ne ha seguito le sorti.  Per ora i leader europei non hanno saputo offrire  soluzioni al rompicapo della crescita, al di fuori di una generica austerità.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/WmrdIdMit;
  1. leonard52_Frank Augstein - WPA PoolGetty Images_borisjohnsonthumbsup Frank Augstein/WPA/Pool/Getty Images

    The End of the EU’s Brexit Bounce

    Mark Leonard

    After years of watching the United Kingdom muddle through a political crisis while enjoying an unprecedented level of unity among themselves, Europeans now must prepare for darker days. Negotiations over the future UK-EU relationship will inevitably divide Europeans and offer fodder to Euroskeptics.

    1

Edit Newsletter Preferences