Chi ha innescato le guerre valutarie?

WASHINGTON, DC – Il mondo è sull’orlo di un duro confronto sui tassi di cambio – che ora sembra toccare anche altri punti, ovvero la politica commerciale (il flirt dell’America con il protezionismo), le posizioni nei confronti dei flussi di capitale (nuove restrizioni in Brasile, Thailandia e Corea del Sud) e il sostegno collettivo alla globalizzazione economica (crescente sentimento anti-straniero quasi ovunque). Chi deve essere ritenuto colpevole di questa situazione ormai fuori controllo, e cosa succederà ora?

Solitamente ci si chiede se alcuni paesi stiano “truffando” mantenendo i propri tassi di interesse a un livello artificiosamente basso, per incentivare le proprie esportazioni e limitare le importazioni, rispetto a quanto accadrebbe se invece le loro banche centrali lasciassero fluttuare liberamente la moneta locale.

Il principale colpevole secondo questa tradizionale visione è la Cina, sebbene seguita al secondo posto dal Fondo monetario internazionale. Ma, su più vasta scala, la gravità dell’odierna situazione è principalmente ascrivibile al rifiuto da parte dell’Europa di riformare la governance economica globale, associato ad anni di cattiva gestione politica e di illusioni negli Stati Uniti.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/adaH5No/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.