Cosa c’è di positivo nel pacchetto americano sul fisco?

CAMBRIDGE – Il pacchetto sul fisco concordato dal Presidente Barack Obama e dall’opposizione repubblicana al Congresso americano rappresenta il giusto mix tra un’adeguata politica fiscale nel breve periodo e un primo passo verso una prudenza fiscale nel lungo periodo. Il punto chiave dell’accordo prevede la proroga degli sgravi fiscali del 2010 per un altro biennio senza alcun riferimento a cosa accadrà in seguito.

Senza questo accordo, nel 2011 le aliquote fiscali sarebbero tornate al livello precedente ai tagli fiscali attuati da Bush nel 2001. Il risultato sarebbe stato quindi un aumento delle tasse per tutti i contribuenti e una crescita dei debiti d’imposta nel 2011 e nel 2012 di circa 450 miliardi di dollari (1,5% del Pil).

Dal momento che il Pil americano negli ultimi tempi è cresciuto solo ad un tasso annuale del 2% – e le vendite finali appena dell’1% – un tale incremento delle imposte avrebbe probabilmente spinto l’economia americana verso una nuova recessione. Sebbene la nuova normativa sul fisco sia generalmente descritta come uno stimolo fiscale, sarebbe più preciso definirla come una manovra che evita un’ampia e immediata contrazione fiscale.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/imKInoi/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.