6

Qual è il ruolo dello Stato?

WASHINGTON – La crisi finanziaria del 2008 ha sollecitato un dibattito globale su quanto sia adeguata (e di che tipo sia) la regolamentazione dei mercati da parte dei governi. Negli Stati Uniti è un tema chiave in relazione alle imminenti elezioni presidenziali, e sta inoltre delineando la politica in Europa e nei mercati emergenti.

Innanzitutto, la performance di crescita della Cina negli ultimi trent’anni ha fornito al mondo un esempio di successo economico di quelli che molti definiscono “capitalismo di stato”. Inoltre, anche le politiche di sviluppo del Brasile hanno affidato un ruolo rilevante allo stato.

Le questioni legate alla dimensione dello stato e al ruolo sostenibile del governo sono fondamentali anche in relazione al dibattito sul destino dell’euro. Molti scettici nei confronti dell’Europa, in particolar modo gli Stati Uniti, collegano la crisi dell’euro al ruolo troppo invadente dei governi europei, sebbene i paesi scandinavi godano di un buon contesto economico nonostante un alto livello di spesa pubblica. In Francia, il nuovo governo di centro-sinistra si trova ad affrontare la sfida di dover tener fede alla promessa di rafforzare la solidarietà sociale riducendo allo stesso tempo in modo consistente il deficit del budget.

Parallelamente alle questioni, per la maggior parte di natura economica, sul ruolo del governo, molti paesi stanno vivendo un periodo di disillusione diffusa nei confronti della politica ed una distanza sempre più grande tra cittadini e governo (in particolar modo nei governi nazionali). In molti paesi, la percentuale di afflusso alle urne sta diminuendo, mentre la crescita di nuovi partiti e movimenti, come il Partito Pirata in Germania ed il Movimento 5 Stelle in Italia, rispecchiano una profondo scontento nei confronti della governance attuale