L’era della repressione finanziaria

TILBURG – A seguito della sua rielezione, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha subito rivolto l’attenzione al crescente debito nazionale. Di fatto, quasi tutti i Paesi occidentali stanno attuando politiche finalizzate a ridurre – o almeno a frenare l’aumento – del volume del debito pubblico.

Nell’ormai famoso documento “Growth in a Time of Debt”, Kenneth Rogoff e Carmen Reinhart sostengono che, quando il debito pubblico supera il 90% del Pil, i Paesi patiscono un rallentamento della crescita economica. Il debito nazionale di molti Paesi occidentali è ora pericolosamente vicino, e in alcuni casi al di sopra di questa soglia critica.

In effetti, secondo l’OCSE, entro la fine di quest’anno, il rapporto debito nazionale/Pil dell’America salirà al 108,6%. Il debito pubblico nell’Eurozona si mantiene al 99,1% del Pil, e in testa si trovano la Francia, dove si prevede che il rapporto raggiunga il 105,5%, e il Regno Unito, dove raggiungerà il 104,2%. Anche la rigorosa Germania potrebbe avvicinarsi alla soglia del 90%, con l’88,5%.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/mSrToWy/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.