Prepararsi ad Eventi Inattesi

LONDRA – Viviamo in tempi pericolosi. Proprio quando ci sembra di orientarci, succede qualcosa che ci fa sentire come se ci mancasse il terreno sotto i piedi. Le azioni e gli eventi spesso si intrecciano, e ciò che accade ad un livello – influendo su individui, stati, settori economici, e aziende di tutte le dimensioni - può avere ripercussioni sugli altri.

I recenti attacchi terroristici di Parigi rappresentano un esempio emblematico, in quanto non colpiscono solo le famiglie e gli amici delle vittime, e neanche solo il popolo francese. I riverberi si fanno sentire in tutto il mondo, e continueranno ad avere un impatto - ben al di là dell’Europa - su politiche pubbliche, politiche elettorali, libertà dei media, e altro ancora.

Gli attentati sono avvenuti in un momento in cui, secondo tradizione, il mondo cerca di dare un senso all’anno a venire - di prevedere i rischi che si trovano in attesa, le opportunità che si presenteranno, e le sfide che dovranno essere superate. Ma cosa dire riguardo ai rischi a lungo termine? Gli eventi come gli attacchi di Parigi dimostrano che è impossibile una loro previsione? O quegli attentati denunciano esattamente il tipo di pericoli che le proiezioni a lungo termine dovrebbero individuare?

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/OhHveo9/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.