Il Goebbels del Cremlino

MOSCA – Nell'Unione Sovietica, tutti sapevano di essere sotto controllo. Qualunque discostamento dal comportamento ufficialmente accettato era visto come fonte di sospetto e nella maggior parte dei casi punito. Lo stato sovietico si considerava in guerra con quasi tutto - spie internazionali, nemici di classe, persone che indossavano jeans o suonavano musica jazz. L'ideologia dominante del regime non era il marxismo-leninismo, ma il sospetto e l'ostilità.

Era dagli inizi degli anni '80, prima dell'introduzione della glasnot in Russia, che quei tempi bui non si sentivano così vicini come lo sono ora. Proteggere la società dai nemici, stranieri e non, è ancora una volta all'ordine del giorno. In realtà, questo controllo perenne è fondamentale per ottenere giudizi di approvazione dal popolo positivi. E nessuno gioca un ruolo più importante nel creare la giusta atmosfera pubblica di Vladislav Surkov.

Un tempo capo dello staff di Putin, Surkov è stato Vice Primo Ministro dal 2011 al 2013. Ufficialmente fornisce consulenza a Putin su affari esteri, ma in realtà è il capo propagandista del regime. Gli è stato dato il merito di aver introdotto il concetto di "democrazia gestita" in Russia e ha giocato un ruolo chiave nel promuovere la secessione dell'Abcasia e dell'Ossezia del sud dalla Georgia. Recentemente, è stato una guida nell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia e nell'annessione della Crimea, ispirando le frenetiche campagne mediatiche che hanno portato al sostegno quasi universale di tali iniziative da parte del pubblico.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/X331dwr/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.