Corporate greed protest sign a.mina/Flickr

La presa di potere segreta delle società

NEW YORK – Gli Stati Uniti e il mondo sono impegnati in un intenso dibattito sui nuovi accordi commerciali. Tali patti un tempo si chiamavano “accordi di libero scambio”; infatti erano accordi commerciali gestiti, adattati agli interessi delle aziende, principalmente negli Stati Uniti e nell’Unione Europea. Oggi, tali accordi sono sempre più spesso considerati “partnership”,come nel Partenariato Trans-Pacifico (TPP). Ma non si tratta di partnership eque: gli Usa dettano effettivamente i termini. Fortunatamente, i “partner” dell’America stanno diventando sempre più resistenti.

Non è difficile capire il perché. Tali accordi vanno ben oltre il commercio, regolano gli investimenti e la proprietà intellettuale e impongono cambiamenti fondamentali nel quadro normativo, giudiziario e legale dei Paesi, senza il contributo o il supporto da parte delle istituzioni democratiche.

Forse la parte più odiosa – e disonesta – di tali accordi riguarda la protezione degli investitori. Naturalmente, gli investitori devono essere protetti dai governi furfanti che si impadroniscono della loro proprietà. Ma non è su questo che si basano queste disposizioni. Ci sono state davvero poche espropriazioni negli ultimi dieci anni, e gli investitori che vogliono proteggersi possono acquistare un’assicurazione dalla Multilateral Investment Guarantee Agency, una società affiliata della Banca Mondiale, mentre gli Stati Uniti e gli altri governi forniscono una simile assicurazione. Tuttavia, gli Usa richiedono misure simili nel TPP, anche se molti dei loro “partner” hanno protezioni sulla proprietà e sistemi giudiziari che sono buoni quanto i loro.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/vdmIqKw/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.