Il benessere americano dal 1979

BERKELEY – La storia è questa: dal 1979 – il picco dell’ultimo ciclo economico prima dell’insediamento di Ronald Reagan alla presidenza – la crescita economica negli Stati Uniti è stata un fenomeno prevalentemente solo per ricchi. I salari reali (depurati dell’inflazione), i redditi e gli standard di vita delle famiglie americane dei poveri e delle classi medie sono alla meglio solo banalmente più alti. Mentre il Pil reale annuo pro capite è cresciuto del 72%, passando da 29.000 a 50.000 dollari (in base ai prezzi del 2009), quasi tutta la crescita è andata a coloro che ora occupano il livello più alto nella distribuzione americana dei redditi.

Tutto ciò è vero, ma con alcune riserve importanti. La prima è riscontrabile nella Distribuzione dei redditi familiari e delle tasse federali, pubblicata l’anno scorso dal Congressional Budget Office (CBO). Il reddito reale al netto delle tasse per il quintile più basso delle famiglie americane era 49% più alto nel 2010 che nel 1979, crescendo a un tasso medio del 1,3% annuo. Il reddito al netto delle imposte per i tre quintili medi nel 2010 era 40% più alto – pari a una crescita media annua dell’1,1%.

Le famiglie tra l’81° e il 99° percentile hanno guadagnato il 64% di reddito al netto delle imposte, con il top 1% che ha raggiunto il 201%, rappresentando un tasso di crescita media annua del 3,6% – ben oltre qualsiasi altro gruppo di reddito. E, allo stato attuale, con la ripresa concentrata anche tra i ricchi, l’1% più ricco degli americani avrà accumulato con tutta probabilità un guadagno del 300% dal 1979.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/hkOjspW/it;