us china trade negotiations MARK SCHIEFELBEIN/AFP/Getty Images

Perché un accordo commerciale Usa-Cina non è sufficiente

WASHINGTON, DC – Mentre i negoziatori commerciali cinesi e statunitensi si incontrano a Washington per cercare di creare un accordo sul commercio, gli osservatori si concentrano in gran parte sui disaccordi economici dei paesi, come i sussidi cinesi alle imprese statali. Ma pensare che un accordo sul commercio proteggerà il mondo da una guerra fredda sino-americana sarebbe tanto prematuro quanto ingenuo.

Certo, un accordo commerciale è altamente auspicabile. Il crollo dei negoziati commerciali avrebbe innescato un nuovo ciclo di aumenti tariffari (dal 10% al 25%, su 200 miliardi di dollari di beni cinesi esportati negli Stati Uniti), abbassando i prezzi azionari globali e spronando le imprese a spostare un numero più alto delle loro attività fuori dalla Cina. A causa delle tariffe che seguono la logica dell’ “occhio per occhio”, il commercio bilaterale precipiterebbe, e il disfacimento delle relazioni economiche tra Stati Uniti e Cina accelererebbe, creando incertezza diffusa e costi più elevati.

Ma anche se si raggiunge un accordo globale - sia prima del 1 marzo o tra qualche mese - il disfacimento continuerà, anche se in modo più graduale e meno costoso. La ragione - che molti investitori e dirigenti aziendali non sono riusciti a riconoscere - è che la guerra commerciale non riguarda fondamentalmente il commercio; piuttosto, è una manifestazione della crescente competizione strategica tra le due potenze.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/nsuq4H1/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.