Skip to main content

Skydive plane freefall risk USAJFKSWCS/Flickr

Niente di nuovo sul fronte del rischio finanziario

WASHINGTON, DC – Il principale rischio finanziario che oggi affrontano gli Stati Uniti appare molto simile a quello che causò enormi problemi nel 2007-2008: grandi istituti bancari con troppi debiti e troppo poco patrimonio netto in bilancio. La scarsa armonizzazione dei regolamenti globali, per non parlare dei regolatori nazionali che a volte si addormentano al volante, aggrava questa vulnerabilità strutturale.

Si tratta di un film già visto che va a finire male e che, la prossima volta, potrebbe finire anche peggio.

Tutti i boom sono diversi, ma ogni crisi finanziaria importante ha come fulcro lo stesso problema, cioè quello delle grandi banche che finiscono nei guai e si ritrovano sull'orlo del fallimento. Quando un sistema finanziario viene scosso dalle fondamenta, la disponibilità di credito si riduce, con effetti negativi sull'economia reale. Nel nostro mondo moderno, in cui finanza ed economia sono strettamente collegate fra loro, le conseguenze possono essere particolarmente gravi, come si è visto nel 2008 e 2009. 

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/vfsxU8v/it;
  1. bildt69_DELIL SOULEIMANAFP via Getty Images_syriansoldiermissilegun Delil Souleiman/AFP/Getty Images

    Time to Bite the Bullet in Syria

    Carl Bildt

    US President Donald Trump's impulsive decision to pull American troops out of northern Syria and allow Turkey to launch a military campaign against the Kurds there has proved utterly disastrous. But a crisis was already inevitable, given the realities on the ground and the absence of a coherent US or Western policy in Syria.

    8

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions