african women Patrick Meinhardt/ZumaPress

I Diritti delle Donne e gli “Errori Consuetudinari”

SEATTLE – Una delle più grandi sfide che devono fronteggiare le donne in gran parte del mondo è costituita dal divario tra i loro diritti legali e la loro capacità di rivendicarli soggettivamente. È sempre più probabile che le costituzioni nazionali possano garantire la parità di genere, ma molti riconoscono anche l’autorità di sistemi giuridici paralleli basati su costume, religione o appartenenza etnica. E, purtroppo, in molte parti del mondo, le leggi non hanno tenuto il passo con i tempi che cambiano.

Fortunatamente, gli organismi internazionali per i diritti umani cominciano a prendere atto del divario. Nel 1999 e nel 2000, due giovani sarte della Tanzania, sposate ancora adolescenti e rimaste vedove ventenni, con quattro figli tra tutte e due, sono state espropriate della propria casa in base alle leggi consuetudinarie sull’eredità del proprio gruppo etnico. Queste leggi consuetudinarie attribuiscono ai parenti di sesso maschile maggiori diritti riguardo alle proprietà del defunto rispetto ai membri femminili della famiglia, e in genere escludono del tutto le mogli e trascurano le figlie. In entrambi i casi della Tanzania, i tribunali locali hanno stabilito che le proprietà che la donna aveva condiviso con il marito, compresi gli oggetti che erano stati acquistati con i proventi dal proprio lavoro, sarebbero dovuti andare al cognato.

Le giovani sarte vedove sono rimaste con i loro figli senza casa, ma si sono rifiutate di accettare l’esproprio condotto nei loro confronti. Con l’aiuto del Centro di Assistenza Legale per le Donne della Tanzania e della Clinica Internazionale per i Diritti Umani delle Donne della Georgetown University –in passato diretta dalla sottoscritta – hanno contestato la decisione presso l’Alta Corte della Tanzania. Nel 2006, l’Alta Corte ha concluso che le leggi consuetudinarie sull’eredità erano “discriminatorie per diversi motivi”, tuttavia si è rifiutata di ribaltarle. La corte ha paragonato il procedere in questo intento all’ “apertura del vaso di Pandora, considerate tutte le usanze apparentemente discriminatorie delle nostre120 tribù” a rischio di impugnazione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/p3bNKrz/it;

Handpicked to read next

  1. China corruption Isaac Lawrence/Getty Images

    The Next Battle in China’s War on Corruption

    • Chinese President Xi Jinping knows well the threat that corruption poses to the authority of the Communist Party of China and the state it controls. 
    • But moving beyond Xi's anti-corruption purge to build robust and lasting anti-graft institutions will not be easy, owing to enduring opportunities for bureaucratic capture.
  2. Italy unemployed demonstration SalvatoreEsposito/Barcroftimages / Barcroft Media via Getty Images

    Putting Europe’s Long-Term Unemployed Back to Work

    Across the European Union, millions of people who are willing and able to work have been unemployed for a year or longer, at great cost to social cohesion and political stability. If the EU is serious about stopping the rise of populism, it will need to do more to ensure that labor markets are working for everyone.

  3. Latin America market Federico Parra/Getty Images

    A Belt and Road for the Americas?

    In a time of global uncertainty, a vision of “made in the Americas” prosperity provides a unifying agenda for the continent. If implemented, the US could reassert its historical leadership among a group of countries that share its fundamental values, as well as an interest in inclusive economic growth and rising living standards.

  4. Startup office Mladlen Antonov/Getty Images

    How Best to Promote Research and Development

    Clearly, there is something appealing about a start-up-based innovation strategy: it feels democratic, accessible, and so California. But it is definitely not the only way to boost research and development, or even the main way, and it is certainly not the way most major innovations in the US came about during the twentieth century.

  5. Trump Trade speech Bill Pugliano/Getty Images .

    Preparing for the Trump Trade Wars

    In the first 11 months of his presidency, Donald Trump has failed to back up his words – or tweets – with action on a variety of fronts. But the rest of the world's governments, and particularly those in Asia and Europe, would be mistaken to assume that he won't follow through on his promised "America First" trade agenda.