12

Il voto dell’Ucraina ed il destino della Russia

STOCCOLMA – Quando i cittadini ucraini andranno alle urne il 26 ottobre, decideranno non solo del destino del loro paese, ma anche del futuro di una parte importante dell’Europa. In parole semplici, il futuro dell’Ucraina deciderà il futuro della Russia ed il futuro della Russia avrà un impatto sostanziale sul futuro dell’Europa.

A seguito del crollo dell’Unione Sovietica più di vent’anni fa e della scelta di indipendenza dell’Ucraina, molti si aspettavano che, negli anni successivi, l’Ucraina avrebbe superato la Russia in termini economici. Ma le cose sono andate diversamente.

Nel corso dei primi dieci anni del XXI secolo, la Russia ha beneficiato dell’effetto combinato della vecchia industria di idrocarburi resa più efficiente da un processo di privatizzazione negli anni ’90 e dai prezzi elevati del petrolio. Inoltre, l’inversione del tanto ricercato processo di diversificazione economica e la riduzione della “modernizzazione” a poco più di uno slogan non ha causato una preoccupazione immediata.

Per contro, l’Ucraina ha avuto la peggior governance di tutti gli altri stati post-sovietici a causa del nepotismo, della corruzione che hanno penalizzato la capacità produttiva del paese facendolo rimanere indietro rispetto a tutti gli altri paesi post comunisti in fase di transizione. L’aspetto più eclatante è il paragone con la Polonia: al momento della dichiarazione di indipendenza i due paesi registravano più o meno lo stesso PIL pro capite, mentre oggi il PIL della Polonia è addirittura triplicato.