L’obiettivo dell’Ucraina

KIEV – La politica e lo sport formano spesso un mix esplosivo, come dimostra la controversia che ora ruota attorno ai Campionati europei di calcio 2012, co-ospitato dall’Ucraina e dalla Polonia. La cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso e altri leader dell’Unione europea hanno affermato che boicotteranno le partite che si terranno in Ucraina, a causa dell’incarcerazione dell’ex primo ministro Yulia Tymoshenko e di altri politici all’opposizione.

Perché, a due decenni dalla fine del comunismo e dall’indipendenza dell’Ucraina, il Paese resta impantanato nel torpore economico e in una politica autoritaria che suscita una tale ira in Europa? Quando un Paese come l’Ucraina si sviluppa lentamente e resta povero, non è a causa di un disastro naturale o per la limitata disponibilità delle risorse. La colpa è delle pessime politiche perseguite dai pessimi governi.

Contrariamente a quanto pensano molti economisti occidentali, i peggiori fallimenti economici non sono il risultato di mercati liberi andati in tilt, ma dell’eccessiva concentrazione di potere politico. Per assicurarsi contro le peggiori catastrofi umane ed economiche, devono essere introdotti dei limiti al potere politico e deve essere posto in essere un sistema di controlli e contrappesi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/IqvVzZO/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.