Ben Stansall/AFP/Getty Images

Truthiness e verità viscerale

LONDRA – Il senatore americano Daniel Patrick Moynihan amava ripetere, “Tutti hanno diritto alla propria opinione, ma non ai propri fatti”. Potrebbe essere vero ma, che ne abbiano diritto o meno, politici ed elettori stanno costruendo le proprie realtà alternative – con conseguenze profonde.

Oggi diventa sempre più difficile difendere i fatti e la verità in politica (negli affari e persino nello sport), perché vengono sostituiti con ciò che il comico americano Stephen Colbert chiama “truthiness”, un neologismo che indica ciò che percepiamo come verità viscerale, ma che non necessariamente corrisponde alla realtà dei fatti. Quest’anno potrebbe essere l’emblema della comunicazione “truthiness”.

Per prendere delle buone decisioni, gli elettori devono avere a disposizione informazioni attendibili, dai dati economici all’analisi anti-terrorismo, che siano presentate in modo trasparente e senza pregiudizi. Ma oggi chi parla in televisione preferisce attaccare gli esperti di queste aree. E gli ambiziosi esponenti politici – dai leader della campagna per la Brexit nel Regno Unito al candidato repubblicano alla presidenza Donald Trump – trascurano del tutto i fatti.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/X0JCN1G/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.