Andrew Burton/Getty Images

La regola aurea offuscata

BERLINO – “Fai agli altri quello che vorresti fosse fatto a te”: si tratta di un semplice concetto logico – un modo diretto di risolvere dilemmi morali nodosi. Eppure, in un tempo in cui discernere tra giusto e sbagliato sembra essere più difficile che mai, questo classico postulato – la “Regola aurea” – sembra essere passato di moda.

L’etica della reciprocità pervade la storia umana, a partire dalle antiche civiltà in Egitto, Grecia, India e Cina. Nei secoli ha accomunato quasi tutte le grandi religioni e i filosofi, da Seneca della Roma classica  a Jean-Jacques Rousseau e John Locke, passando per Jean-Paul Sartre e John Rawls.

La Regola aurea è la base essenziale del nostro moderno concetto di diritti umani universali e forma l’emblema del moderno contratto sociale. È il punto di partenza delle nostre interazioni con gli altri all’interno delle singole comunità e a livello globale. Sottende l’ascesa dell’odierna sharing economy, esemplificata da Uber e Airbnb. Guida persino le nostre relazioni personali.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/PzvnQqN/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.