G7 meeting MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images

Le Conseguenze Economiche Internazionali di Mr. Trump

PARIGI – Il World Economic Forum di Davos di quest’anno ha rappresentato una nuova occasione per l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di manifestare la consueta incontinenza verbale generando onde d’urto sull’economia mondiale. Questa volta, l’origine era duplice.

Il primo scossone è arrivato dal Segretario al Tesoro americano Steven Mnuchin, che ha rotto con più di due decenni di rigida disciplina suggerendo che un dollaro più debole sarebbe nell’interesse degli Stati Uniti. Il secondo è pervenuto dal Segretario al Commercio Wilbur Ross, che sembrava rallegrarsi per la prospettiva di intraprendere e vincere una guerra commerciale.

Per una volta, è stato lo stesso Trump a ristabilire la calma negando che gli Stati Uniti stessero perseguendo una strategia “beggar-thy-neighbor”. Ma lo ha fatto solo dopo che le dichiarazioni dei suoi segretari di gabinetto avevano suscitato forti reazioni da parte dei partner internazionali.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/GeNaTVk/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.