Andrew Lichtenstein/Getty Images

La crescita di Trump del 3%

CAMBRIDGE – Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump si vanta che le sue politiche produrrano una crescita sostenuta del 3-4% per molti anni. Le sue previsioni sfidano il giudizio di molti esperti tra cui esponenti di Wall Street e della Federal Reserve, i quali prevedono che gli Usa saranno fortunati se cresceranno del 2%.

Ma ci sono possibilità che Trump abbia ragione? E se è così, in che misura le sue politiche saranno responsabili, e la crescita più veloce comporterà seri costi a lungo termine per l’ambiente e la disuguaglianza da reddito? Al mercato azionario potrebbe interessare solo il tasso di crescita, ma la maggior parte degli americani dovrebbe preoccuparsi molto del modo in cui la crescita viene raggiunta.

Le previsioni di Trump sul tasso di crescita economica totale degli Usa sono alquanto insensate. Una sequenza continua di dati economici suggerisce che il tasso annuale è aumentato ora al 2,5%, grossomodo a metà strada tra quanto atteso da Trump e dagli esperti. Inoltre, l’occupazione ha registrato solidi dati nei primi sei mesi della presidenza Trump, con oltre un milione di posti di lavoro creati, e i listini hanno raggiunto nuovi massimi, entrambi dei quali stanno alimentando maggiori consumi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/Bw0AIBD/it;

Handpicked to read next