Dollar notes VCG/Getty Images

La fine della diplomazia del dollaro?

WASHINGTON, DC – Mark Twain non ha mai davvero detto “La notizia della mia morte è alquanto esagerata”, ma la falsa citazione è troppo simpatica per non riutilizzarla. E il concetto che ne è alla base non potrebbe essere più calzante che per il dibattito sul ruolo internazionale del dollaro. 

Gli esperti celebrano il funerale del dominio del dollaro a livello mondiale sin dagli anni sessanta, ovvero da più di mezzo secolo ormai. Ciò è dimostrato dalla ricorrenza dell’espressione  “demise of the dollar”, che tradotta significa fine o morte del dollaro, in tutte le pubblicazioni in lingua inglese catalogate da Google.

La frequenza con cui tale espressione ricorre, rapportata al numero di pagine stampate per anno, registrò un primo picco nel 1969, in seguito al crollo del London Gold Pool, un accordo di collaborazione tra otto banche centrali per fissare un tetto al dollaro rispetto all’oro. L’utilizzo della stessa aumentò vertiginosamente negli anni settanta in seguito al fallimento del regime di Bretton Woods, di cui il dollaro era il fulcro, e in risposta all’elevata inflazione che accompagnò la presidenza di Richard Nixon, Gerald Ford e Jimmy Carter in quegli anni.   

Ma anche quel livello venne superato dall’intensificarsi dei riferimenti e delle relative preoccupazioni rispetto al dollaro a partire dal 2001, come risultato dello choc causato dagli attentati terroristici di settembre, dell’enorme crescita del disavanzo commerciale degli Stati Uniti e infine della crisi finanziaria globale del 2008. 

Malgrado tutto ciò, il ruolo internazionale del dollaro non è mai venuto meno. Come viene dimostrato nel nuovo libro che ho scritto insieme ai miei coautori, la quantità di dollari presente nelle riserve valutarie delle banche centrali e dei governi mondiali non ha praticamente risentito di questi eventi. Il biglietto verde resta la moneta più scambiata sui mercati delle valute estere e continua a essere l’unità di riferimento per la quotazione e il commercio del petrolio a livello mondiale, nonostante le proteste dei leader venezuelani per la “tirannia del dollaro”.  

Con notevole costernazione di molti trader valutari, il valore della moneta statunitense è soggetto ad ampie fluttuazioni, come hanno dimostrato la sua ascesa, caduta e ripresa nel corso dell’anno passato. Ciò, tuttavia, incide appena sull’attrazione che esercita sui mercati internazionali.  

The World’s Opinion Page

Help support Project Syndicate’s mission

subscribe now

Le banche centrali continuano a detenere titoli di stato statunitensi perché il mercato su cui vengono scambiati è il più liquido al mondo. Inoltre, questi titoli sono considerati sicuri dal momento che il governo federale non ha problemi d’insolvenza sin dai tempi della disastrosa guerra del 1812. 

Inoltre, i legami diplomatici e militari con gli Usa incoraggiano gli alleati dell’America a detenere riserve in dollari. Gli stati che possiedono un proprio arsenale nucleare hanno meno valuta americana rispetto ai paesi che dipendono dagli Stati Uniti per la propria sicurezza. Fare parte di un’alleanza militare con un paese che emette moneta di riserva fa aumentare la quota di riserve valutarie in quella moneta del paese partner di circa 30 punti percentuali. I fatti, dunque, suggeriscono che le riserve in dollari diminuirebbero significativamente in assenza di tale effetto.     

Questo legame sottovalutato tra le alleanze geopolitiche e la scelta valutaria internazionale riflette una combinazione di fattori. I governi hanno motivo di credere che il paese della moneta di riserva considererà il servizio del debito dei propri alleati una priorità importante. In cambio, gli alleati, detenendo le sue passività, potranno contribuire a ridurre gli oneri finanziari dell’emittente.

È qui, dunque, e non in un altro pasticcio sul tetto del debito federale il prossimo dicembre, che si annida la vera minaccia al dominio internazionale del dollaro. Come sostiene un anonimo funzionario del Dipartimento di Stato americano, il presidente Donald Trump “non sembra preoccuparsi delle alleanze e, di conseguenza, della diplomazia”.

Si pensa che le riserve internazionali del Giappone e della Corea del Sud siano costituite per circa l’80% da dollari. Si può ipotizzare, quindi, che il comportamento finanziario di questi e altri paesi cambierebbe drasticamente, con implicazioni negative per il cambio del dollaro e i costi di finanziamento statunitensi, qualora le strette alleanze militari tra l’America e i suoi alleati dovessero logorarsi.

E non è neppure difficile immaginare come ciò potrebbe accadere. Dal punto di vista strategico, il presidente Donald Trump si è dato la zappa sui piedi da solo mettendosi nella condizione di aver bisogno di una concessione da parte della Corea del Nord sulla questione delle armi nucleari per salvare la faccia con la propria base, per non dire con la comunità globale. A dispetto della sua retorica e del suo atteggiamento aggressivi, l’unica via percorribile per assicurarsi tale concessione è quella della negoziazione. Ironicamente, il risultato più plausibile di questo processo sarà un regime di ispezioni non diverso da quello concordato dall’amministrazione Obama con l’Iran.

Per raggiungere tale obiettivo, l’amministrazione Trump dovrà offrire qualcosa in cambio. La moneta di scambio più ovvia per rassicurare il regime nordcoreano è una riduzione della presenza militare statunitense nella penisola coreana e in Asia in generale. In tal modo, la garanzia di sicurezza offerta dagli Usa diminuirebbe, mentre la Cina avrebbe l’opportunità di riempire il vuoto geopolitico venutosi a creare.

E laddove la Cina assumesse la leadership a livello geopolitico, è probabile che la sua moneta, il renminbi, farebbe lo stesso.

Traduzione di Federica Frasca

http://prosyn.org/6xcYQfa/it;

Handpicked to read next

  1. Television sets showing a news report on Xi Jinping's speech Anthony Wallace/Getty Images

    Empowering China’s New Miracle Workers

    China’s success in the next five years will depend largely on how well the government manages the tensions underlying its complex agenda. In particular, China’s leaders will need to balance a muscular Communist Party, setting standards and protecting the public interest, with an empowered market, driving the economy into the future.

  2. United States Supreme Court Hisham Ibrahim/Getty Images

    The Sovereignty that Really Matters

    The preference of some countries to isolate themselves within their borders is anachronistic and self-defeating, but it would be a serious mistake for others, fearing contagion, to respond by imposing strict isolation. Even in states that have succumbed to reductionist discourses, much of the population has not.

  3.  The price of Euro and US dollars Daniel Leal Olivas/Getty Images

    Resurrecting Creditor Adjustment

    When the Bretton Woods Agreement was hashed out in 1944, it was agreed that countries with current-account deficits should be able to limit temporarily purchases of goods from countries running surpluses. In the ensuing 73 years, the so-called "scarce-currency clause" has been largely forgotten; but it may be time to bring it back.

  4. Leaders of the Russian Revolution in Red Square Keystone France/Getty Images

    Trump’s Republican Collaborators

    Republican leaders have a choice: they can either continue to collaborate with President Donald Trump, thereby courting disaster, or they can renounce him, finally putting their country’s democracy ahead of loyalty to their party tribe. They are hardly the first politicians to face such a decision.

  5. Angela Merkel, Theresa May and Emmanuel Macron John Thys/Getty Images

    How Money Could Unblock the Brexit Talks

    With talks on the UK's withdrawal from the EU stalled, negotiators should shift to the temporary “transition” Prime Minister Theresa May officially requested last month. Above all, the negotiators should focus immediately on the British budget contributions that will be required to make an orderly transition possible.

  6. Ksenia Sobchak Mladlen Antonov/Getty Images

    Is Vladimir Putin Losing His Grip?

    In recent decades, as President Vladimir Putin has entrenched his authority, Russia has seemed to be moving backward socially and economically. But while the Kremlin knows that it must reverse this trajectory, genuine reform would be incompatible with the kleptocratic character of Putin’s regime.

  7. Right-wing parties hold conference Thomas Lohnes/Getty Images

    Rage Against the Elites

    • With the advantage of hindsight, four recent books bring to bear diverse perspectives on the West’s current populist moment. 
    • Taken together, they help us to understand what that moment is and how it arrived, while reminding us that history is contingent, not inevitable


    Global Bookmark

    Distinguished thinkers review the world’s most important new books on politics, economics, and international affairs.

  8. Treasury Secretary Steven Mnuchin Bill Clark/Getty Images

    Don’t Bank on Bankruptcy for Banks

    As a part of their efforts to roll back the 2010 Dodd-Frank Act, congressional Republicans have approved a measure that would have courts, rather than regulators, oversee megabank bankruptcies. It is now up to the Trump administration to decide if it wants to set the stage for a repeat of the Lehman Brothers collapse in 2008.