102

Cosa può fare Trump per l’economia americana

NEW YORK – La vittoria sorprendente di Donald Trump alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti ha reso evidente una cosa: troppi americani - in particolare gli americani bianchi maschi - si sentono abbandonati. Non è solo una sensazione; molti americani in realtà sono stati davvero abbandonati. Si vede dai dati non meno chiaramente che dalla loro rabbia. E, come ho sostenuto più volte, un sistema economico che non "soddisfa” gran parte della popolazione è un sistema economico fallito. Quindi cosa dovrebbe fare il Presidente eletto Trump al riguardo?

Nell'ultimo terzo di secolo, le regole del sistema economico dell'America sono state riscritte in modo da essere a servizio dei vertici, mentre hanno danneggiato l'economia nel suo complesso, e in particolare l’80% degli strati più bassi della popolazione. L'ironia della vittoria di Trump è che è stato il Partito Repubblicano, di cui ora è leader, che ha spinto per l'estrema globalizzazione e contro i quadri politici, ad aver mitigato il trauma associato alla vittoria. Ma la storia conta: la Cina e l'India sono ora integrate nell'economia globale. Inoltre, la tecnologia ha fatto così tanti progressi che il numero di posti di lavoro a livello globale nel settore manifatturiero è in declino.

Chicago Pollution

Climate Change in the Trumpocene Age

Bo Lidegaard argues that the US president-elect’s ability to derail global progress toward a green economy is more limited than many believe.

La conseguenza è che non c'è un modo affinché Trump possa riportare negli Stati Uniti un numero significativo di posti di lavoro ben pagati nell'industria manifatturiera. Può riportare la produzione, attraverso la produzione avanzata, ma ci saranno pochi posti di lavoro. E può riportare posti di lavoro, ma saranno posti di lavoro a basso salario, non i posti di lavoro altamente remunerativi degli anni ‘50.

Se Trump è serio nel contrastare la disuguaglianza, deve riscrivere ancora una volta le regole, in modo che possa servire a tutta la società, non solo alle persone come lui.

Il primo ordine del giorno è di stimolare gli investimenti, ripristinando così una robusta crescita a lungo termine. In particolare, Trump dovrebbe dare importanza alla spesa per le infrastrutture e alla ricerca. Incredibilmente per un paese il cui successo economico si basa sull’innovazione tecnologica, la quota di Pil per gli investimenti nella ricerca di base è più bassa oggi di quanto non fosse mezzo secolo fa.

Il miglioramento delle infrastrutture aumenterebbe il rendimento degli investimenti privati, che è anche in ritardo. Garantire un maggiore accesso finanziario alle piccole e medie imprese, comprese quelle guidate da donne, stimolerebbe anche gli investimenti privati. Una carbon tax fornirebbe una triade di benessere: crescita maggiore dal momento che le imprese devono aggiornarsi per riflettere l'aumento dei costi delle emissioni di anidride carbonica; un ambiente più pulito; e le entrate che potrebbero essere utilizzate per finanziare le infrastrutture e gli sforzi diretti a restringere il divario economico dell'America. Ma, data la posizione di Trump come negazionista del cambiamento climatico, è improbabile che approfitti di questo (il che potrebbe anche indurre il mondo a iniziare l'imposizione di dazi contro i prodotti statunitensi effettuati in modo da violare le regole globali del cambiamento climatico).

È anche necessario un approccio globale per migliorare la distribuzione del reddito degli Stati Uniti, che è una delle peggiori tra le economie avanzate. Mentre Trump ha promesso di aumentare il salario minimo, è improbabile che intraprenda altri cambiamenti critici, come il rafforzamento dei diritti di contrattazione collettiva dei lavoratori e il potere negoziale, e la riduzione del compenso dei Ceo e la finanziarizzazione.

La riforma della regolamentazione deve andare oltre limitando i danni che il settore finanziario può fare e garantendo che il settore è davvero a servizio della società.

Nel mese di aprile, il Consiglio dei consulenti economici del presidente Barack Obama ha reso noto un brief che mostra l’aumento della concentrazione del mercato in molti settori. Ciò significa meno concorrenza e prezzi più alti – sicuramente un modo per abbassare i redditi reali come l'abbassamento dei salari direttamente. Gli Stati Uniti devono affrontare queste concentrazioni del potere di mercato, tra cui le più recenti manifestazioni della cosiddetta economia della condivisione.

Il sistema fiscale regressivo dell'America - che alimenta la disuguaglianza aiutando i ricchi (ma nessun altro) a diventare sempre più ricchi - deve essere riformato. Un obiettivo evidente dovrebbe essere quello di eliminare il trattamento speciale delle plusvalenze e dei dividendi. Un altro è quello di garantire che le imprese paghino le tasse - forse abbassando l’aliquota fiscale per le aziende che investono e creano posti di lavoro in America, e alzandola per quelli che non lo fanno. Come uno dei principali beneficiari di questo sistema, tuttavia, gli impegni di Trump di perseguire riforme che avvantaggiano gli americani non sono credibili; come al solito con i repubblicani, i cambiamenti fiscali saranno a vantaggio in gran parte dei ricchi.

Trump probabilmente non sarà in grado di migliorare la parità di opportunità. Garantire l'istruzione prescolare per tutti e investire di più nelle scuole pubbliche è essenziale se l’intento degli Stati Uniti è quello di evitare di diventare un paese neo-feudale in cui vantaggi e svantaggi sono passati da una generazione a quella successiva. Ma Trump è stato praticamente in silenzio su questo argomento.

Ripristinare la prosperità condivisa richiederebbe politiche che estendono l’accesso ad alloggi a prezzi accessibili e all'assistenza medica, pensione sicura e dignitosa, e consentono a ogni americano, a prescindere dalla ricchezza familiare, di permettersi una formazione post-secondaria commisurata alle sue abilità e interessi. Ma, mentre Trump, un magnate immobiliare, ha sostenuto un programma di edilizia massiccia (con la maggior parte dei benefici che sono andati a costruttori come lui), la sua promessa di abrogare l’Affordable Care Act (Obamacare) lascerebbe milioni di americani senza assicurazione sanitaria. (Subito dopo l'elezione, ha suggerito di muoversi con cautela in quest’ambito).

I problemi posti dagli americani scontenti - derivanti da decenni di abbandono - non saranno risolti rapidamente o da strumenti convenzionali. Una strategia efficace sarà necessaria per prendere in considerazione soluzioni non convenzionali, che difficilmente gli interessi corporativi repubblicani favoriranno. Ad esempio, gli individui potrebbero essere autorizzati ad aumentare la loro indennità di pensione mettendo più soldi nei loro conti di previdenza sociale, con aumenti commisurati alle prestazioni pensionistiche. E le politiche globali della famiglia e del congedo per malattia potrebbero aiutare gli americani a realizzare un equilibrio lavoro/vita meno stressante.

Allo stesso modo, un’opzione pubblica per finanziare l'edilizia abitativa potrebbe autorizzare chi ha pagato le tasse regolarmente ad avere un anticipo del 20% sul mutuo, commisurato alla loro capacità di pagare il debito, ad un tasso leggermente superiore rispetto a quello cui il governo può prendere in prestito e ripagare il proprio debito. I pagamenti sarebbero convogliati attraverso il sistema di imposta sul reddito.

Molto è cambiato da quando il presidente Ronald Reagan ha iniziato a svuotare la classe media alterando i benefici della crescita a favore di quelli in alto, e le politiche e le istituzioni degli Stati Uniti non hanno tenuto il passo. Dal ruolo delle donne nel mondo del lavoro alla nascita di Internet per aumentare la diversità culturale, il ventunesimo secolo in America è fondamentalmente diverso da quello dell'America degli anni ‘80.

Fake news or real views Learn More

Se Trump vuole in realtà aiutare coloro che sono stati abbandonati, si deve andare al di là delle battaglie ideologiche del passato. L'agenda che ho appena abbozzato non riguarda solo l'economia: si tratta di coltivare una società dinamica, aperta e che soddisfa la promessa dei valori più cari degli americani. Ma mentre è, in qualche modo, coerente con le promesse elettorali di Trump, in molti altri modi, è l'antitesi di loro.

La mia sfera di cristallo molto nuvolosa mostra una riscrittura delle regole, ma non per correggere i gravi errori della rivoluzione Reagan, una pietra miliare nel cammino sordido che ha lasciato tanti indietro. Piuttosto, le nuove regole peggioreranno la situazione, escludendo ancora più persone dal sogno americano.