LightRocket via Getty Image Miguel Candela/SOPA Images/LightRocket via Getty Image

Guerre commerciali in un mondo dove il vincitore prende tutto

BRUSSELS – Con le nuove tariffe commerciali del presidente Donald Trump, gli Stati Uniti si sono trasformati dal principale campione e difensore del sistema commerciale multilaterale globale al suo oppositore. Ma sarebbe molto difficile per un politico imprevedibile rovesciare improvvisamente strutture e meccanismi consolidati, se non fosse per un cambiamento economico più importante.

La prima manifestazione ufficiale delle attuali tensioni commerciali si è verificata nel settore siderurgico - un'industria "vecchia economia" per eccellenza, un’economia afflitta, soprattutto in Cina, da un'enorme capacità in eccesso.

L'eccesso di capacità è un fenomeno ricorrente nel settore dell'acciaio e ha sempre prodotto attriti. Nel 2002, l'amministrazione del presidente George W. Bush impose dazi elevati sulle importazioni di acciaio, ma cedette quando un comitato per la risoluzione delle controversie dell'Organizzazione mondiale del commercio si espresse contro gli Stati Uniti. Sebbene i falchi dell'amministrazione Trump ricordino questa sentenza come una perdita, la maggior parte degli economisti concorda sul fatto che alla fine è stato positivo per l'economia statunitense, la quale non guadagna tassando un importante contributo per molte altre industrie.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

or

Register for FREE to access two premium articles per month.

Register

https://prosyn.org/zsbyspzit