Felixstowe UK Peter Macdiarmid/Getty Images

Le verità sul commercio secondo trumpiani e brexiteer

LONDRA – È arrivato il momento di fare i conti con la realtà per i politici americani e britannici, e per tutti quegli esperti che soventemente esprimono un giudizio sul commercio mondiale senza comprendere lo stato attuale delle cose: i dati sulle esportazioni e sulle importazioni totali della Germania nel 2016 indicano ora come maggiore partner commerciale la Cina. Francia e Stati Uniti sono stati spinti in seconda e terza posizione.

Questa notizia non dovrebbe sorprendere. Spesso mi sono chiesto se, entro il 2020, le società (e i politici) tedeschi preferiranno un’unione monetaria con la Cina piuttosto che con la Francia, considerata la potenziale crescita del commercio sino-tedesco.

Che di fatto è cresciuto, guidato soprattutto dalle esportazioni cinesi verso la Germania. Ma registrano un incremento anche le esportazioni tedesche verso la Cina. A prescindere dal recente rallentamento, la Germania potrebbe presto esportare più verso la Cina che verso la Francia, importante paese vicino e partner, ed esporta già più verso la Cina che verso l’Italia. Per gli esportatori tedeschi, la Francia e il Regno Unito sono gli unici mercati nazionali europei più grandi della Cina.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/NR2xObb/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.