Jamie Dimon Jamie Dimon/Fang Zhe/ZumaPress

Ancora troppo grandi per fallire

WASHINGTON, DC – Quasi sette anni dopo lo scoppio della crisi finanziaria globale e più di cinque anni dopo il passaggio della riforma Dodd-Frank negli Stati Uniti, la causa della crisi - l'esistenza di banche che sono "troppo grandi per fallire" - deve ancora essere sradicata. Finché esiste un caso simile, un altro disastro è solo questione di tempo.

L’espressione "troppo grandi per fallire" risale a diversi decenni fa, ma è entrata a far parte dell’uso comune in seguito al crollo di Lehman Brothers nel settembre 2008. Mentre i problemi si diffondevano in tutto il sistema finanziario, le autorità statunitensi avevano deciso che alcune banche e altre società finanziarie erano così grandi rispetto all'economia che erano "sistematicamente importanti" e non potevano andare in bancarotta. Lehman è fallita, ma Aig, Goldman Sachs, Morgan Stanley, Citigroup, Bank of America e altre sono state tutte salvate attraverso varie forme di massiccio - e senza precedenti - sostegno del governo.

La linea ufficiale del momento era "mai più", il che aveva senso in termini politici ed economici. A queste grandi società finanziarie è stata fornita un’assistenza che non era solitamente a disposizione del settore corporate non finanziario - e certamente non a disposizione delle famiglie che hanno scoperto che il valore del loro patrimonio (le loro case) era inferiore al valore delle loro passività (i loro mutui).

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/a00lnsj/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.