2

L’Importanza di Considerare la Democrazia

BOSTON – Questo mese, avremo la possibilità di tracciare la strada verso una società globale più sicura e più forte, dove il potere appartiene ai molti, non ai pochi, e dove coloro che hanno calpestato senza nessun riguardo l’ambiente, i diritti umani, e la sanità pubblica saranno chiamati a renderne conto. Non sto parlando delle elezioni presidenziali americane.

A dire il vero, le elezioni statunitensi avranno un’importanza immensa; ma una politica ridotta ad una corsa di cavalli e alle dissertazioni senza fine di presunti esperti e ha oscurato due eventi dirompenti che iniziano il 7 novembre: i meeting delle parti aderenti alla World Health Organization Framework Convention on Tobacco Control (FCTC) e alla United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC).

Superficialmente, il diritto internazionale non ha la drammaticità di una sfida per la presidenza, e può sembrare decisamente noioso nel migliore dei casi, e addirittura irrilevante nel peggiore. Ma se si va un po’ più a fondo, si riscontra quasi un conflitto shakespeariano tra democrazia e avidità sfrenata. In entrambe le conferenze di questo mese, la comunità internazionale dovrà prendere decisioni che influenzeranno l’esito di questa lotta, e che potrebbero avviare a risoluzione alcuni dei problemi globali più inquietanti di oggi.

Sia la FCTC che la UNFCCC consentono ai governi di contenere il potere incontrollato delle corporation, che costituisce una delle cause fondamentali di molti altri problemi, dalla disuguaglianza economica all’ingiustizia sociale e alla messa in crisi dei sistemi democratici. Le multinazionali sono enormi, e la loro influenza colpisce quasi ogni aspetto della nostra vita. Per comprendere la portata del loro potere, basterà pensare ai miliardi di dollari che spendono per le elezioni; alla loro attività di lobbying per demolire le salvaguardie ambientali e dei lavoratori all’interno di accordi commerciali come il Trans-Pacific Partnership e il Transatlantic Trade and Investment Partnership; e agli sforzi inesorabili delle imprese di combustibili fossili per far fallire le politiche sui cambiamenti climatici.