Una cura per l’Economia

NEW YORK – Visto che ancora persiste la depressione economica cominciata nel 2007, la domanda che tutti si pongono è ovvia: Perché? Senza una migliore comprensione delle cause della crisi, non possiamo mettere in atto una strategia di ripresa efficace. E finora non abbiamo né l’una né l’altra.

Ci era stato detto che questa era una crisi finanziaria, così i governi delle due sponde dell’Atlantico si sono concentrati sulle banche. Le politiche di incentivazione venivano spacciate come un palliativo temporaneo, necessario a compensare il gap fino a quando il settore finanziario non si fosse ripreso ed il credito privato non fosse ricominciato. Ma, mentre redditività e bonus bancari si sono ristabiliti, il credito non è in ripresa, nonostante tassi di interesse a lungo e breve termine incredibilmente bassi.

Le banche si lamentano che il credito resta limitato dall’inaffidabilità di chi dovrebbe prendere a prestito, dovuta all’economia malata. E i dati di settore indicano che almeno in parte hanno ragione. Del resto, le grandi società sono adagiate su enormi quantità di dollari in contanti, dunque non è il denaro liquido che impedisce loro di impegnarsi in nuovi investimenti e nuovi posti di lavoro. Alcune piccole imprese, forse molte di loro, sono tuttavia in una posizione molto diversa; a corto di fondi, non possono espandersi, e molte sono costrette a contrarsi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/l6zKeN7/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.