Tim Brinton

Il deficit di fiducia globale

NEW YORK – Preoccupati per la spinosa questione del disavanzo di bilancio, i politici dei paesi sviluppati continuano a trascurare un altro deficit, diverso ma altrettanto critico, che riguarda la fiducia tra le economie avanzate ed emergenti in merito alla governance globale.

Per decenni, i paesi sviluppati azionisti del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale hanno usato la condizionalità del prestito per stimolare riforme economiche nel cosiddetto Terzo Mondo spesso caratterizzate da controverse misure di austerità fiscale. Attraverso interventi riformisti pragmatici e sostenuti, Paesi come il Brasile, la Cina e l'India hanno rivoluzionato la propria economia al punto di stimolare una straordinaria crescita del Pil, che è passato da un tasso medio annuo del 3,5% nel 1980-1994 al 5,5% dal 1994 in poi.

Tuttavia, anche se il contributo dei paesi in via di sviluppo alla crescita del Pil globale ammonta ormai a oltre la metà del totale, i paesi avanzati non permettono ancora a questi ultimi di ricoprire ruoli di leadership che riflettano il loro crescente peso sull'economia mondiale.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/Dw78UJb/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.