Cosa impedisce all’Europa di agire?

PITTSBURGH – Durante una visita recente in Grecia, il Presidente francese François Hollande ha dichiarato che il declino dell’Europa è giunto al termine e ha incoraggiato le aziende francesi ad investire in Grecia. Pessimo consiglio. E’ vero che i costi di produzione in Francia sono elevati, ma quelli della Grecia sono persino più alti. Inoltre, nonostante il consistente declino del PIL reale greco (e di quello italiano e spagnolo) sin dal 2007, il processo d’aggiustamento è ben lontano dall’essere completato.

In effetti, ci si troverebbe in seria difficoltà a dover concordare con l’affermazione di Hollande in qualunque parte d’Europa. Prima delle recenti elezioni in Italia, i mercati finanziari mostravano qualche segnale di ottimismo, incoraggiati da una politica della Banca Centrale Europea finalizzata a garantire il debito sovrano dei membri dell’eurozona, ad espandere il suo bilancio e ad abbassare i tassi d’interesse. Gli obbligazionisti guadagnano infatti quando i tassi di interesse si abbassano. Ma la disoccupazione continua a crescere nei paesi del sud dell’Europa già pesantemente indebitati, mentre la produzione continua a rimanere indietro rispetto alla Germania e ad altri paesi del nord Europa.

La ragione principale per questo ritardo non è semplicemente dovuta ad una riduzione della domanda o al debito consistente. C’è in realtà un’enorme differenza tra i costi del lavoro per unità di prodotto (stipendi reali aggiustati in base alla produttività) della Germania e dei paesi del sud dell’Europa altamente indebitati. All’inizio della crisi, i costi di produzione in Grecia erano più elevati di circa il 30% rispetto alla Germania, il che ha portato la Grecia a ridurre drasticamente le esportazioni e ad aumentare le importazioni. In altri paesi altamente indebitati i costi di produzione risultavano invece superiori del 20-25% rispetto a quelli della Germania.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/x8MHwEH/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.