Il rischio tsunami

NEW YORK – È tempo che il G20 prenda seriamente il proprio mandato e convenga su cosa fare per stabilizzare e rilanciare l’economia globale attraverso un modello di crescita più sostenibile. Il G20 continua, invece, a comportarsi come una “debating society” o un foro di dibattito, con un approccio cooperativo adottato sin dagli inizi della crisi e ora ridotto a una serie di azioni unilaterali, spesso avventate, avanzate dai propri membri.

Eppure, sono numerosi i rischi per la stabilità economica e la prosperità globale che devono essere fronteggiati con una certa urgenza. Quest’anno, l’Irlanda ha gettato l’Europa in una seconda crisi del debito sovrano, e i mercati di capitale sono diventati schizofrenici e hanno visto gli investimenti correre da una parte all’altra dell’Atlantico, in seguito al rischio di contagio in Europa e all’allentamento monetario attuato dagli Stati Uniti.

Nel frattempo, un fiume di capitali sta inondando i mercati emergenti con tassi di interesse più elevati, causando pressioni inflazionistiche, una spinta al rialzo dei prezzi degli asset e un apprezzamento delle valute che mina la competitività – in sintesi, distorsioni e politiche problematiche che richiedono risposte difensive e non convenzionali.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/RzFFLXm/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.