A cosa servono gli economisti?

CAMBRIDGE – Quando la posta in gioco è alta, non sorprende che gli avversari politici utilizzino qualunque tipo di supporto riescano a raccogliere dagli economisti e da altri ricercatori. È ciò che è accaduto quando i politici conservatori americani e le autorità dell’Unione europea si sono rifatti all’opera di due professori di Harvard, Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff, per giustificare il ricorso all’austerità fiscale.

Reinhart e Rogoff hanno pubblicato un paper che sembrava dimostrare come i livelli di debito pubblico superiori al 90% del Pil impedissero in modo significativo la crescita economica. Tre economisti dell’Università del Massachusetts di Amherst hanno poi seguito la prassi accademica: rivedere il lavoro dei colleghi e sottoporlo a critiche.

Oltre a un errore minore di calcolo, hanno identificato alcune scelte metodologiche nel lavoro originale di Reinhart/Rogoff che mettevano in forte dubbio la validità dei risultati. Fatto più importante, anche nel caso in cui i livelli debitori e la crescita rimanessero negativamente correlati, la prova di una soglia al 90% si era rivelata piuttosto debole. E come sostengono molti, la correlazione stessa potrebbe essere il risultato di una bassa crescita che porta a un elevato tasso di indebitamento, piuttosto che il contrario.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/4qgKCw9/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.