Dean Rohrer

Capitalisti a favore di una crescita inclusiva

LONDRA – Nel 2012 il Pew Research Center ha pubblicato uno studio secondo il quale l’85% degli adulti che si autodefiniscono appartenenti alla classe media negli Stati Uniti credono che sia più difficile ora mantenere il proprio standard di vita rispetto a dieci anni fa. La percentuale di americani che sostengono di appartenere al ceto medio-basso o al ceto basso è aumentata da un quarto della popolazione adulta nel 2008 a circa un terzo nel contesto attuale. Lo studio della Pew ha inoltre evidenziato che solo il 63% degli intervistati crede che lavorare duramente porti al successo rispetto al 74% del 1999.

Queste statistiche, che rappresentano il sentimento popolare all’interno della più ampia economia a livello mondiale, dovrebbe sollevare serie preoccupazioni per i governi ed i leader aziendali, in particolar modo nei paesi che si trovano ad affrontare una crescita stagnante e livelli di disoccupazione giovanile in aumento. In effetti, a gennaio l’FMI ha rivisto le prospettive di breve termine della crescita nell’eurozona verso il basso, con una percentuale del -0,2% nel 2013. Nel frattempo, i dati ufficiali della Spagna indicano che il tasso di disoccupazione è cresciuto fino a raggiungere il 26% (quasi sei milioni di persone) negli ultimi tre mesi del 2012, ovvero la cifra più elevata sin dalla metà degli anni ’70, con un tasso di disoccupazione giovanile che ha ormai raggiunto il 55%.

Il bisogno di crescita, nello specifico di un tipo di crescita inclusiva in grado di garantire occupazione al gran numero di giovani senza lavoro e di combattere i livelli di una crescente disuguaglianza del reddito, non è mai stato così vitale. Tuttavia, il dibattito di oggi su come ottenere una crescita sostenibile ed inclusiva è focalizzato in termini troppo restrittivi sul ruolo dei governi e dei policymaker. Il ruolo del settore privato, con una portata multinazionale, grandi quantità di contanti e la capacità di innovazione, è stato finora trascurato.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/sleanwt/it;
  1. An employee works at a chemical fiber weaving company VCG/Getty Images

    China in the Lead?

    For four decades, China has achieved unprecedented economic growth under a centralized, authoritarian political system, far outpacing growth in the Western liberal democracies. So, is Chinese President Xi Jinping right to double down on authoritarianism, and is the “China model” truly a viable rival to Western-style democratic capitalism?

  2. The assembly line at Ford Bill Pugliano/Getty Images

    Whither the Multilateral Trading System?

    The global economy today is dominated by three major players – China, the EU, and the US – with roughly equal trading volumes and limited incentive to fight for the rules-based global trading system. With cooperation unlikely, the world should prepare itself for the erosion of the World Trade Organization.

  3. Donald Trump Saul Loeb/Getty Images

    The Globalization of Our Discontent

    Globalization, which was supposed to benefit developed and developing countries alike, is now reviled almost everywhere, as the political backlash in Europe and the US has shown. The challenge is to minimize the risk that the backlash will intensify, and that starts by understanding – and avoiding – past mistakes.

  4. A general view of the Corn Market in the City of Manchester Christopher Furlong/Getty Images

    A Better British Story

    Despite all of the doom and gloom over the United Kingdom's impending withdrawal from the European Union, key manufacturing indicators are at their highest levels in four years, and the mood for investment may be improving. While parts of the UK are certainly weakening economically, others may finally be overcoming longstanding challenges.

  5. UK supermarket Waring Abbott/Getty Images

    The UK’s Multilateral Trade Future

    With Brexit looming, the UK has no choice but to redesign its future trading relationships. As a major producer of sophisticated components, its long-term trade strategy should focus on gaining deep and unfettered access to integrated cross-border supply chains – and that means adopting a multilateral approach.

  6. The Year Ahead 2018

    The world’s leading thinkers and policymakers examine what’s come apart in the past year, and anticipate what will define the year ahead.

    Order now