Tim Brinton

Il prezzo della prevenzione delle crisi

BRUXELLES – Sono passati due anni da quando è esplosa la crisi finanziaria e solo ora iniziamo a realizzare quanto ci verrà probabilmente a costare. Andrew Haldane, membro della Banca d’Inghilterra, stima che il valore attualizzato della contrazione di output dovuta alla crisi potrebbe raggiungere il 100% del PIL mondiale.

Questa stima può sembrare incredibilmente alta, ma è relativamente prudente, visto che presuppone che solo un quarto dello shock iniziale risulterà in una riduzione permanente di output. Secondo i veri pessimisti, che credono che la maggior parte, se non la totalità,  dello shock avrà un impatto permanente sull’output, le perdite totali potrebbero essere due o tre volte più alte.

Un anno di PIL mondiale corrisponde a 60.000 miliardi di dollari, che corrispondono a cinque secoli di aiuti pubblici allo sviluppo o, per essere ancora più concreti, a dieci miliardi di classi scolastiche nei villaggi africani. Certo, questo non è un costo diretto per le casse pubbliche (i costi diretti dei piani di salvataggio delle banche sono molto più bassi), ma questa perdita di output è il vero costo di riferimento quando si consideri come ridurre la frequenza delle crisi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/TAG2zTx/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.