Dalla Grecia un altro test per l’Europa

PRINCETON – Nell’ultimo anno, non è stato difficile distrarsi dalla crisi del debito pubblico greco. Grazie a un profluvio di fondi ufficiali, la Grecia è apparsa in via di guarigione e, nonostante i ritardi nelle privatizzazioni, il governo è stato lodato per aver perseverato nell’austerità fiscale. In un’estate all’insegna di un placido trionfalismo per l’Europa, ci voleva poco per superare aspettative sempre più basse.

Ma la Grecia ha in serbo un altro test per l’Europa, stavolta con un pizzico di rivalsa.

La crisi greca è stata clamorosamente spropositata. Dopo la rivelazione che vari governi in successione avevano mentito riguardo all’entità, colossale, dei deficit fiscali e agli squilibri macroeconomici, la Grecia ha perso l'accesso ai mercati obbligazionari internazionali. Dal 2010, il Paese dipende, come mai in passato, da ingenti fondi di salvataggio. Tuttavia, poiché i suoi creditori, cioè il Fondo monetario internazionale e alcuni governi europei, hanno mal compreso le sfide che il Paese stava affrontando, gli aiuti hanno solo ritardato l'inevitabile default sovrano, e causato una brusca contrazione dell’economia, amplificando così le dolorose conseguenze.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/U4QBokO/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.