L’errata valutazione della ricchezza

CAMBRIDGE – Malgrado i numerosi successi conseguiti nel creare un’economia globale più integrata e stabile, il nuovo rapporto Resilient People, Resilient Planet: A Future Worth Choosing, redatto dal Gruppo di alto livello sullo sviluppo sostenibile (UN High-Level Panel on Global Sustainability) ammette il fallimento e l’incapacità dell’attuale ordine globale di implementare quei drastici cambiamenti necessari per una vera “sostenibilità”.

Il report presenta il progetto di “un pianeta sostenibile, una società giusta e un’economia in crescita”, nonché 56 raccomandazioni su come raggiungere quest’obiettivo. È senza dubbio il più importante appello internazionale che sia mai stato fatto per una radicale riprogettazione dell’economia globale.

Nonostante la ricchezza di contenuti, Resilient People, Resilient Planet offre soluzioni pratiche e concrete. La raccomandazione più preziosa nel breve periodo – la sostituzione degli attuali indicatori di sviluppo (Pil o sue varianti) con parametri più completi sulla ricchezza – sembra essere stata aggiunta all’ultimo momento. Senza un’azione rapida e decisiva a livello internazionale, tesa a dare priorità alla sostenibilità rispetto allo status quo, questo documento rischia di fare la fine del suo predecessore, il pionieristico rapporto Brundtland del 1987, che introdusse il concetto di sostenibilità, invocò in modo analogo un cambiamento radicale ma che fu presto ignorato.
Resilient People, Resilient Planet apre parafrasando Charles Dickens: oggi il mondo sta sperimentando i tempi migliori e peggiori che si siano mai avuti. L’umanità ha raggiunto una prosperità senza precedenti; sono stati fatti dei passi avanti per ridurre la povertà globale e i progressi tecnologici stanno rivoluzionando le nostre vite, debellando alcune malattie e trasformando la comunicazione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/szROLxo/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.