Travisare il riequilibrio cinese

NEW HAVEN – La “punditocracy”, ovvero la classe degli opinionisti, ha ancora una volta ceduto alla sindrome da "crollo cinese”, una malattia che sembra colpire ciclicamente i commentatori economici e politici. Poco contano i ripetuti falsi allarmi degli ultimi vent’anni, il coro degli scettici sostiene che stavolta è diverso.

L'economia cinese ha rallentato, questo è indubbio. Se l'Occidente martoriato dalla crisi può solo sognare di uguagliare un tasso di crescita annua del Pil come quello cinese – che l’Ufficio nazionale di statistica indica al 7,5% per il secondo trimestre del 2013 – di certo la crescita del Paese ha registrato un rallentamento sensibile rispetto ai livelli del 1980-2010, quando era al 10%.

Ma non è solo il rallentamento a fomentare gli scettici, bensì anche il debito eccessivo e la relativa fragilità del sistema bancario, il rischio di scoppio della bolla immobiliare e, più importante ancora, la presunta mancanza di progressi rilevanti in materia di riequilibrio economico – il tanto atteso passaggio da un modello di crescita sbilenco, basato sulle esportazioni e sugli investimenti, a un altro basato sui consumi privati interni.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/kP4mVL0/it;