Il Fmi dopo Strauss-Kahn

PRINCETON – Il potente Fondo monetario internazionale ha subito un duro colpo. Oltre un decennio fa, la rivista francese Paris Match riportava una foto dell’allora direttore generale del Fondo, Michel Camdessus, con il titolo: “L’uomo francese più potente al mondo”. Oggi, il suo successore, Dominique Strauss-Kahn, apparso sulle prime pagine di tutti i giornali ammanettato e austero, è l’uomo francese più umiliato al mondo.

Lo scandalo sessuale, scoppiato a New York e che vede coinvolto Strauss-Kahn, ha sollevato la questione della sua successione attirando in maniera massiccia l’interesse pubblico e destando non poche preoccupazioni. In effetti, lo scandalo ha svelato alcuni problemi fondamentali sulla governance del Fmi, e persino sulla sua esistenza.

Strauss-Kahn ha cercato di trasformare il Fmi in un esperto di finanza globale piuttosto che in un poliziotto. In alcuni casi però sarebbero serviti i poliziotti, per attenuare o per evitare le crisi finanziarie. Al momento, il mix di eccessi ancora evidente nel settore finanziario e nei conti pubblici di molti paesi richiede un’azione di polizia alquanto energica.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/bpnEi3R/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.