L'umiliazione della Gran Bretagna

BERKELEY – Alla fine del 2008, mentre la crisi finanziaria imperversava, i paesi del mondo si divisero in due categorie: da una parte quelli i cui leader si arrabattavano alla meno peggio, dall'altra la Cina. Solo i cinesi presero sul serio le tesi di Milton Friedman e John Maynard Keynes secondo cui, di fronte alla prospettiva di una depressione, la prima cosa da fare è usare il governo per intervenire strategicamente sui mercati per sostenere il flusso di domanda aggregata.

In seguito, all'inizio del 2010, i paesi che si erano arrabattati alla meno peggio si sono a loro volta divisi in due gruppi: mentre quelli le cui finanze erano solide hanno continuato ad arrabattarsi, quelli come Grecia e Irlanda, le cui finanze erano in dissesto, non hanno avuto altra scelta che perseguire l'austerità e cercare di recuperare la loro credibilità fiscale.

Oggi stiamo assistendo ad un'altra divisione, questa volta tra i paesi che continuano ad arrabattarsi e la Gran Bretagna. Sebbene la credibilità finanziaria del governo britannico sia ancora intatta, l'amministrazione del Primo Ministro David Cameron sta per imbarcarsi in quella che potrebbe essere la più grande e profonda contrazione fiscale di sempre: un piano per ridurre il deficit di bilancio pubblico del 9% di PIL nei prossimi quattro anni.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/MzgrGMF/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.