13

Erdoğan non è l’unico problema della Turchia

PRINCETON – Türkan Saylan è stata un fisico innovatore, una delle prime dermatologhe donne ed una delle principali sostenitrici della campagna contro la lebbra. E’ stata anche una laica convinta e ha istituito una fondazione per elargire borse di studio alle ragazze per permetterle di andare a scuola. Nel 2009, la polizia fece irruzione nella sua casa e confiscò una serie di documenti nel corso di un’indagine su un suo legame con un presunto gruppo terrorista chiamato

“Ergenekon” e apparentemente intenzionato a destabilizzare la Turchia per accelerare un golpe militare.

Saylan si ammalò di cancro in quel periodo e morì poco dopo. Ma il caso contro i membri del gruppo alla quale era stata legata sono andate avanti e sono poi sfociate in una lunga serie di processi contro gli oppositori del Primo Ministro Recep Tayyip Erdoğan e dei suoi alleati del forte movimento Gülen costituito principalmente dai seguaci del predicatore islamico Fethullah Gülen.

La prova in questo caso, così come in molti altri casi, consisteva in documenti Word trovati sul computer che apparteneva alla fondazione di Saylan. Quando degli esperti americani hanno recentemente analizzato l’immagine forense dell’hard drive, hanno fatto una scoperta soprendente (ben nota tuttavia alla Turchia). I file incriminati erano stati inseriti nell’hard drive dopo l’ultimo utilizzo del computer da parte della fondazione. Dato che il computer era stato sequestrato dalla polizia, questa scoperta punta dritto verso la malafede dei funzionari di polizia.