Gli Scambi Commerciali Transatlantici Diventano Globali

STANFORD – Hanno preso avvio le trattative tra gli Stati Uniti e l’Unione Europea sul trattato commerciale Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP), potenzialmente il più grande accordo regionale di libero scambio della storia. In caso di successo, coprirebbe più del 40% del PIL mondiale e potrebbe contare su grandi quote di commercio mondiale e di investimenti diretti esteri. Gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno fissato l’ambizioso obiettivo di completare i negoziati entro la fine del 2014. Storicamente, però, la maggior parte degli accordi commerciali hanno richiesto molto più tempo per il loro completamento.

L’estensione del TTIP è enorme. Con l’adesione della Croazia, all’inizio di luglio, l’Unione Europea è ora composta da 28 Stati membri, ciascuno dei quali ha un proprio particolare insieme di interessi specifici, che spingono per la promozione o la protezione commerciale, in base a interessi legati ai vantaggi comparati, alla storia, ed al puro potere politico interno.

Inoltre, si desidera dare all’accordo una portata molto ampia , complicando ulteriormente il processo. Il TTIP eliminerebbe tutte le tariffe commerciali e ridurrebbe le barriere non tariffarie, compresse quelle agricole; amplierebbe l’accesso al mercato del commercio dei servizi; comporterebbe una più stretta uniformità normativa; rafforzerebbe la tutela della proprietà intellettuale; limiterebbe i sussidi alle imprese statali, ed ancora altro. Tutto questo però assicura difficili negoziati in futuro, infatti, la Francia ha già chiesto e ricevuto una “eccezione culturale” per il cinema e la TV.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/KrO6sls/it;