La casa divisa dell’Euro

BRUXELLES – Le ultime previsione economiche diffuse dalla Commissione europea dipingono un quadro deprimente: tassi di disoccupazione prossimi o superiori al 5% in Austria, Germania e nei Paesi Bassi nel 2014, con picchi del 25% in Grecia e Spagna e del 15% in Irlanda e Portogallo. Si prevede che nello stesso anno il Pil pro capite sia quasi 7% sopra il livello pre-crisi in Germania, ma circa il 7% al di sotto in Irlanda, Portogallo e Spagna – e sotto di un terrificante 24% in Grecia. Secondo le previsioni, la profonda divisione economica e sociale emersa all’interno dell’Eurozona è quindi destinata a persistere.

Questo profondo divario all’interno dell’unione monetaria non potrà essere sostenuto a lungo. Come diceva Abramo Lincoln, “una casa divisa non può reggersi su se stessa”. La stessa politica monetaria non può adattarsi alle esigenze di un paese che si trova in depressione e di un altro che registra o sta per raggiungere la piena occupazione. In effetti, la questione più importante per il futuro dell’Eurozona è se sarà colmato il gap tra Paesi prosperi e Paesi in difficoltà.

La visione ottimistica è che, malgrado non vi siano segni di miglioramento nel mercato del lavoro, le performance economiche hanno invece iniziato a mostrare segni di ripresa e il processo di aggiustamento è in corso. Stando a un’argomentazione diffusa, la prova è che i deficit esterni hanno registrato una contrazione sostanziale.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/1bMMoA8/it;