La falsa promessa di un bilancio dell'eurozona

BRUXELLES – Mentre sono impegnati a redigere il rapporto sulla riforma della moneta unica, i quattro presidenti delle principali istituzioni europee (Commissione europea, Consiglio europeo, Banca centrale europea ed Eurogruppo) si trovano di fronte a un dilemma cruciale: l'eurozona ha davvero bisogno di un proprio bilancio?

Il motivo al centro del dibattito è che l'unione monetaria degli Stati Uniti funziona molto meglio perché a ridurre l'impatto degli shock asimmetrici, cioè gli shock dei singoli Stati, interviene un bilancio federale di grosse dimensioni. Secondo i sostenitori di questa tesi, la zona euro dovrebbe avere un proprio bilancio per essere in grado di fornire altrettante garanzie ai suoi membri.

Tale tesi, però, travisa l'esperienza statunitense.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/XN7ax5J/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.