Paul Lachine

L’Eurozona secondo Merkel

BRUXELLES – Non ci speravamo più, ma alla fine dopo tanto attendere sono arrivate in forma quasi clandestina: le idee proposte dalla cancelliera tedesca Angela Merkel per la riforma dell’Eurozona non sono infatti pervenute con un discorso o una dichiarazione formale di fronte ai propri colleghi, bensì con una proposta informale franco-tedesca, telegrafica, messa insieme in fretta e furia, che è stata fatta circolare la sera prima del recente vertice dei capi di stato e di governo.

Non sono mancate le reazioni nelle altre capitali dell’Unione europea (a causa del tono poco diplomatico del documento) o a Bruxelles (dal momento che la cancelliera non si è preoccupata di rispettare le procedure comunitarie e la ripartizione delle competenze). Ma le idee esposte nel documento meritano un’attenta disamina.

L’iniziativa è prima di tutto istituzionale. Mentre in passato la Merkel aveva scartato la vecchia idea francese di governance europea per timore di essere in minoranza tra i paesi del Sud Europa, ora trae un insegnamento dalla crisi e suggerisce ai paesi di Eurolandia di andare avanti e di stringere una cooperazione con chiunque sia capace e disposto a unirsi a loro. Questo è un passo importante.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/cCOMRjk/it;