Il palliativo europeo per la crisi

BRUXELLES – La crisi dell’euro è forse vicina a una risoluzione? I leader europei hanno l’intenzione di promuovere entro la fine di questo mese un pacchetto completo di misure non solo per dare un taglio alla crisi, ma soprattutto per preservare la stabilità dell’euro. Sfortunatamente non riusciranno nel loro intento, dal momento che parte delle misure finora rese note si limitano ad affrontare i sintomi della crisi e non le cause più profonde.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ci tiene giustamente a precisare che non si dovrebbe parlare di “crisi dell’euro” ma di “crisi del debito”. Se a questo avesse aggiunto che si tratta di una crisi sia di debito sovrano che di debito bancario, avrebbe decisamente colto nel segno.

Sulla base di tale diagnosi, per trattare la crisi bisognerebbe trovare subito una soluzione rispetto al problema dei debiti, legato a governi superindebitati e a banche insolventi. Purtroppo non si sta facendo nulla in tal senso, su entrambi i fronti.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/Ra3GMdw/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.