Margaret Scott

La vita eterna delle grandi banche americane

WASHINGTON – L’economia mondiale si trova di fronte ad una grande problematica: le più grandi banche statunitensi continuano ad essere “troppo grandi per fallire”, il che significa che se una o più di queste dovesse navigare in cattive acque, sarebbe salvata dal governo. Le conseguenze, infatti, di un’eventuale inerzia incutono senza dubbio troppo timore.

Questa problematica è ampiamente riconosciuta non solo dai dirigenti, ma dagli stessi banchieri e trovare una soluzione è diventata una priorità condivisa ormai da tutti. Persino Jamie Dimon, il potente presidente della grande società JP Morgan Chase, ha sottolineato che la clausola del “troppo grande per fallire” deve essere eliminata.

Purtroppo l’approccio suggerito dall’amministrazione Obama per porre fine a questa clausola, al momento in discussione al Congresso, non funzionerà.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/tl2bb13/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.